Contenuto principale

Venerdì, 14 Gennaio 2011 22:00

Il giorno del falco

Il giorno del falco

di Pippo Pollina

contro ogni dittatura, perché non accada mai più

Pippo Pollina e gli Inti Illimani, cantano in ricordo di Victor Jara, cantautore cileno torturato e ucciso nel 1973 sotto la dittatura di Pinochet.

il video

 

 

il testo

E venne il giorno del falco
una mattina di settembre,
spalancarono il giorno
ne squartarono il ventre

E venne scivolando a valle
alle porte di Santiago,
con gli artigli del fuoco
e con gli occhi del drago

E tua moglie, implorando
all'ambasciata in preda ai venti
"datemi un segno di speranza
in questo nido di serpenti"

E sul far della sera
spensero i fuochi nello stadio
"datemi un fiore per non morire
e una bandiera per morire"

E venne il giorno del falco
sotto l'artiglieria
dei traditori al soldo
di un padrone di polizia

E venne scivolando a valle
sulle piazze e sulla Moneda
mentre Victor cantava
vide il falco sulla preda

"Io non canto per cantar
né per aver una bella voce"
gridavi al popolo in catene
per alleviarne le pene
"Canto per la chitarra
che ha ragione e sentimento"
mentre le lame dei coltelli
sibilavano nel vento.

"Yo no canto por cantar
ni por tener buena voz
canto porque la guitarra
tiene sentido y razón."

tratto da: http://www.angolotesti.it/P/testi_canzoni_pippo_pollina_4934/testo_canzone_il_giorno_del_falco_302002.html

Letto 6581 volte Ultima modifica il Sabato, 15 Dicembre 2012 21:56
Altro in questa categoria: Lindbergh »

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna